La Pappessa Scialatiella Piccante I ci regala questa meravigliosa poesia composta e recitata in occasione del Capo Danno Pastafariano 2017.

Facitem' magna'
(int'a grazje do Patetern)

   

Fatemi mangiare
(in grazia del PSV)

Si tu te vuliss assetta' a tavula mia
e te vuliss mett'a parla' mal 'e chill'è froc
'e chill'é spuorc e zuzzus, se n'adda turna' 'a casa soja,
'e chill ce spar'e bomb, è a ruvina nost,
appizza 'na purpett,
scinnatell 'ngann e magn!

 

Se tu vuoi sederti alla mia tavola
per poi metterti a parlare male di chi è gay,
di chi è sporco, di chi "deve torsarsene a casa sua",
di chi "spara le bombe ed è la nostra rovina",
prendi una polpetta,
buttala giù in gola e mangia! 

Si a te e chest nun te piace e chest è senza sal
e chest è crur e chest è cott'
sient', facimm 'na cosa:
cucina tu;
je magn e ringrazje.

 

Se tu sei di quelli che "questo non ti piace" e "questo è senza sale"
e "questo è crudo" e "quello è cotto",
senti, facciamo così:
cucina tu;
io mangio e ringrazio.

Si tu si bbuon cumm'a Gesù Crist
e a carn nunn'a magn e o pesc nunn'o frije,
va bbuon:
te capisc, però...
m'o spieg' aropp!

 

Se tu sei buono come Gesù Cristo
e la carne non la mangi e il pesce non lo friggi
va bene:
ti capisco, però...
spiegamelo dopo!

Si però tu t'assett pe me rice fatt bell,
avventure, pensier important,
je te mesc nu buccal'e birr
e ment 'a panza se fa capanna, 'o cor se fa 'na recchia tanta
e zitta e sazje, je t'ascolt.

 

Se però ti siedi per dirmi fatti belli,
avventure, pensieri importanti
ti verso un boccale di birra
e mentre la pancia si fa capanna, il cuore diventa un grande orecchio
e, zitta e sazia, io ti ascolto.

Chest'è 'a preghiera ra Papess':
"Faciteme magna'!"
A tavula nu corron Prodige,
ma 'o Spaghett mije nunn'o facite vula'!
Iss chiacchiere a vacant nunne vole cuntá,
ma omme e pirate vole senti' 'e canta'!

 

Questa è la preghiera della Pappessa:
"Fatemi mangiare!"
A tavola non corrono prodigi
ma il mio Spaghetto non fate volare.
Egli chiacchiere inutili non vuole raccontare
ma persone e pirati vuol sentire cantare!

Er mortorio

Appresso ar mio num vojo visi affritti,
e pe’ fa’ ride pure a ‘st’occasione
farò un mortorio con consumazione…
in modo che chi venga n’approfitti.

Pe’ incenso, vojo odore de soffritti,
‘gni cannela dev’esse un cannellone,
li nastri – sfoje all’ovo e le corone
fatte de fiori de cocuzza fritti.

Li cuscini timballi de lasagne,
da offrì ar momento de la sepportura
a tutti quelli che “sapranno” piagne.

E su la tomba mia, tutta la gente
ce leggerà ‘sta sola dicitura:
"Tolto da questo mondo troppo al dente”.

Il funerale

Dietro al mio non voglio visi afflitti
e per far ridere pure in quest'occasione
farò un funerale con consumazione...
in modo che chi venga ne approfitti.

Per incenso, voglio odore di soffritti,
ogni candela dev’esse un cannellone,
i nastri – sfoglie all’uovo e le corone
fatte di fiori di zucca fritti.

I cuscini timballi di lasagne,
da offrire al momento della sepoltura
a tutti quelli che “sapranno” piangere. 

E sulla tomba mia, tutta la gente
ci leggerà questa sola dicitura:
"Tolto da questo mondo troppo al dente”.

di Aldo Fabrizi

 

Da quando il Prodigioso mi ha toccato
Sono devoto a birra e carboidrato
Sempre ti mangerei, Piadina mia
E in questa notte stellata
Lo senti il pirata che canta per te

Piadina mia, col squacquerone
di te il pirata fa indigestione
quando ti penso
devo tornare
al baracchino
sulla statale

Piadina, piadina mia
Se mangio te
Poi grido AHRRR!!

(Beverendo Gnocchetto Shardana, Macropannocchia Romagnola)

Disegno originale dell'autrice.

Quando del mondo che noi conosciamo
non v'era traccia, né c'era un umano,
un'entità esisteva pensante:
il Prodigioso Spaghetto Volante.

Egli aleggiava nel Nulla assoluto
e di sé era assai compiaciuto,
mai fu per lui alcuna noia o tristezza,
solo uno stato di perenne ebbrezza.

Ma fu il suo animo allegro e beone
colto, d'un tratto, da gran confusione
poiché dall'alcool fu tosto offuscato
e in seguito a ciò diede vita al Creato.

Le sue propaggini, or rapide, or lente,
Egli agitava inconsapevolmente
mentre giaceva dal riso riverso:
ne scaturì l'intero Universo.

Quando si accorse di quanto successo,
più non poteva arrestare il processo:
decise dunque di stare a vedere
per dieci minuti... poi riprese a bere.

Egli non dà dunque peso o attenzione
a ciò che l'umano fa per religione;
aver buona birra è ciò che gli basta,
certo, ancor meglio se c'è della pasta.

Noi siamo qui ora per dimostrare
quanto la volontà nostra può fare,
non per vantarci al cospetto divino
bensì per ornare il paesaggio alpino

con un gran simbolo di frittellanza
che inviti il viandante alla tolleranza.
Possa esso sempre indicare la via
e interferire con Radio Maria.

Saccheggiassaggi Tuttofare Tuttatofu
Sciamagna della Montagna


Questo testo è stato scritto e recitato dall'autrice in occasione della "Grande Erezione" del Sacro Liscafisso sulla cima del Monte Dolada, nelle Dolimiti bellunesi, il 15 agosto 2015.