Simona Zanini, studentessa dell'Università degli Studi di Milano, ha presentato una tesina sul Pastafarianesimo alla fine del Corso di Sociologia dei Processi Culturali guadagnandosi il massimo voto e la lode.  Il documento, dal titolo "Pastafarianesimo da asporto. Lo scolapasta come rivendicazione religiosa" è probabilmente il primo scritto accademico italiano completamente dedicato alla nostra sugosissima religione e riconosce in modo esplicito e riccamente documentato il Pastafarianesimo come religione a tutti gli effetti.

Di Goldmund100 - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3839224

Il Pastafarianesimo è analizzato secondo le categorie e le direttive tracciate da Oliver Roy nel saggio La santa ignoranza. Religioni senza cultura, Feltrinelli, Milano 2009.  

Il rapporto tra cultura e religione è mutato e non nel segno della fede. Roy esamina movimenti religiosi estremisti, caratterizzati da un diffuso rigetto della cultura dominante: correnti religiose non più fondate sulla territorialità o prove conoscitive, ma su un sentire individuale, assunto come assoluto.

«La santa ignoranza consiste in due cose. La prima è la svalutazione della cultura a vantaggio della fede […] La seconda cosa è l’indifferenza verso la teologia a vantaggio della fede come ‘vissuto’. In questo caso la santa ignoranza non è un ritorno a un qualche arcaismo bensì l’espressione di un atteggiamento moderno: l’affermazione di sé, la gioia del momento, l’esserci in opposizione al pensiero, l’immediato in opposizione al tempo»

In che modo il Pastafarianesimo risolve il rapporto cultura-fede? In che modo colloca la questione della fede nella difesa della cultura scientifica?

Conscia del crescente bisogno di dialogo e convivenza tra le religioni, nonché della necessità di punti di convivenza comuni, come così chiaramente espresso nel saggio che ha costituito la principale fonte bibliografica del suo lavoro, Simona Zanini ha delineato il percorso storico del Pastafarianesimo, andando dalle origini rivelate da Bobby Henderson agli sviluppi rituali e sociali delle pannocchie italiane, rinvenendo nel particolare – e rituale – svuotamento dogmatico del Pastafarianesimo un contributo positivo al processo di autonomia della vita politica e socio-culturale, dal controllo e dall'influenza della religione. 

Per chi desiderasse leggerlo, Simona ha gentilmente concesso di condividere liberamente il suo documento. Scarica il documento.

Immagine: Facciata della sede dell'Università Statale di Milano in via Festa del Perdono, vista dal giardino di largo Richini. Di Goldmund100 - Opera propria, CC BY 3.0, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=3839224